Ultima modifica: 24 Ottobre 2019

Curricolo Trasversale

La scuola ha bisogno, oggi più che mai, di una bussola valoriale di orientamento, di un punto di riferimento forte, di un vademecum
comportamentale su cui confrontarsi, e a cui attingere, tale da consentire una condivisione dell’impronta educativa da testimoniare e comunicare alla classe.
Il saper fare non può disgiungersi dal saper essere, dall’acquisire cioè quelle competenze sociali che permettono ad ogni bambino e ragazzo di
apprendere individualmente e cooperativamente, di relazionarsi con gli altri, con le diversità e le specificità, di instaurare rapporti, di leggere e interpretare la realtà, per scegliere e per stare bene al mondo.
Gli obiettivi educativi trasversali, ove per trasversalità si intende la presenza nei curricoli delle diverse discipline di obiettivi e principi metodologici comuni, tali da assicurare un rinforzo reciproco e consentire un’unitarietà di insegnamento, sono rappresentativi della Scuola dell’infanzia, della Scuola primaria, della Scuola secondaria di primo grado, seppur in un’ottica progressiva e rapportata alla fase evolutiva.
L’educazione ai valori non è una materia a sé, è invece un codice etico che si esprime, mediante input desumibili dai contenuti didattici prescelti (saperi essenziali).
Le indicazioni e strategie metodologiche contenute in questo documento vogliono concretizzare ciò che potrebbe apparire come astratto,
aleatorio, di difficile rappresentazione e fanno riferimento, a livello pedagogico, non ad una pedagogia di “solitudine”, bensì una pedagogia del “dialogo”.

 

Curricolo trasversale